Pesche ripiene alla piemontese

Nei mesi di agosto e settembre, sulle tavole di molti piemontesi (e oggi anche in altre regioni) si possono trovare le pesche ripiene alla piemontese, o per intenderci, le pesche ripiene di cacao e amaretti. Questo dolce viene preparato con amaretti secchi: solo in Piemonte ne esistono diverse varianti, di cui in provincia di Alessandria quelli pizzicati di Gavi, i più secchi di Valenza, o quelli di Voltaggio e di Ovada. Famosissimi anche gli amaretti di Mombaruzzo e del Sassello, già provincia di Savona.

Le pesche più pregiate si trovano nelle zone di Volpedo (Alessandria), di Canale (Cuneo), e di Borgo d’Ale (Vercelli). Le pesche tardive sono le più adatte alla preparazione delle pesche ripiene. Grosse, sode e mature, per questo vengono preparate verso la fine dell’estate.

Questo dolce oggi si può facilmente trovare nel menù dei ristoranti tipici del territorio, ma anticamente veniva preparato nelle campagne e, come molti piatti tradizionali, ne esistono diverse varianti. Per esempio alcuni usano le piccole pesche di vigna, quelle bianche, oppure nel ripieno viene usato il liquore all’amaretto, o ancora chi usa mettere i biscotti, ecc.

Una variante che può essere preparata non solo in estate, ma tutto l’anno, anche se poco approvata da alcuni, è con le pesche sciroppate: qui vi lascio la mia ricetta delle pesche sciroppate ripiene. Io le apprezzo molto anche così.

Pesche ripiene alla piemontese con cacao e amaretti

Pesche ripiene alla piemontese

Pesche ripiene di cacao e amaretti, dosi per 6 persone
Portata Dessert, Dolce
Cucina Italiana, Piemontese
Keyword Pesche
Chef Francesca Guglielmero

Ingredienti

  • 6 pesche a pasta gialla grosse e mature
  • 60 g amaretti secchi
  • q.b. burro
  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • 100 g zucchero di canna
  • 1 uovo intero o 2 tuorli
  • 2 cucchiai di marsala
  • 1/2 bicchiere di vino bianco

Istruzioni

  • Lavate le pesche, tagliatele a metà e levate il nocciolo. Scavate un po' di polpa per ricavare una cavità in cui andrà poi inserito il ripieno. Mettete la polpa in una ciotola. Mettete le pesche su una teglia e infornatele a 180° per 10 minuti per farle asciugare.
  • Nella ciotola dove avete messo la polpa delle pesche aggiungete il cucchiaio di cacao amaro, lo zucchero, gli amaretti sbriciolati, l'uovo intero (o i due tuorli) e il marsala. Mescolate per amalgamare bene il composto.
  • Tirate fuori le pesche dal forno, imburrate una terrina e mettetele all'interno. Riempitele con il composto aiutandovi con un cucchiaio. Su ogni mezza pesca mettete una noce di burro e cospargete con ancora un po' di zucchero di canna. Sul fondo della terrina versate mezzo bicchiere di vino bianco.
  • Infornate a 180° per 40-45 minuti. Le pesche ripiene sono ancora più buone se lasciate riposare anche per mezza giornata. Altrimenti potete servirle ancora tiepide, magari con una pallina di gelato alla crema accanto.
Pesche ripiene alla piemontese cacao  e amaretti

Volete provare altre ricette tipiche piemontesi? Eccovi alcuni consigli che sono sicura vi piaceranno:

Pesche ripiene con cacao e amaretti alla piemontese



4 thoughts on “Pesche ripiene alla piemontese”

Rispondi