Pandolce genovese basso

Le feste di Natale in Liguria, ma soprattutto a Genova, chiamano Pandolce! Il pandolce genovese basso (o alto) o semplicemente pandolce, spesso detto anche panettone genovese, è un prodotto tipico delle feste natalizie di queste zone. Le  vetrine delle pasticcerie di Genova ne sono colme in questo periodo dell’anno: dovunque io vada c’è un’esplosione di questo invitante dolce che tutti dovrebbero provare!

Come fare il pandolce genovese basso

Il pandolce genovese basso è un dolce ricco di uvetta e pinoli, profumato di frutta candita e, a volte, semi di finocchio.
Il pandolce alto è più morbido e ricorda il pan brioche, mentre quello basso è più friabile e “biscottoso”.

Secondo la tradizione ligure, sia per il pandolce basso che alto, si può aggiungere a piacere il marsala, alcune ricette vogliono anche i semi di finocchio e aroma di fior d’arancio.

Ho voluto provare a fare in casa il pandolce basso, senza l’uso di lievito madre come invece richiede la versione alta. Inutile dire che abbia conquistato tutti per quanto è buono! Ho cercato di essere più fedele possibile alla ricetta originale ligure, ma se ci fosse qualcosa di sbagliato invito i miei lettori a scrivermi per darmi anche dei consigli, lasciando un commento qui sotto o scrivendomi sulla pagina Facebook Maccaroni Reflex.

Pandolce genovese basso ricetta

Ricetta del pandolce genovese basso

Il pandolce genovese basso, a differenza di quello alto, non ha bisogno di ore di lievitazione. Basta una bustina di lievito per dolci e il pandolce si gonfierà leggermente durante la cottura in forno. Molto semplice da preparare, profumatissimo e davvero invitante!

Pandolce genovese basso

Pandolce genovese semplice e veloce. Dosi per un pandolce grande o due piccoli.
Portata Dolce, Ricetta di Natale
Cucina Italiana, Ligure
Keyword Cake di Natale, Panettone
Chef Francesca

Ingredienti

  • 300 g farina 00
  • 2 uova
  • 120 g zucchero a velo
  • 120 g burro t.a.
  • 2 cucchiai latte t.a.
  • 70 g arancia e cedro canditi
  • 120 g uvetta
  • 50 g pinoli
  • 1 bustina lievito per dolci
  • 1 cucchiaio semi di finocchio facoltativo
  • 1 cucchiaio marsala
  • 1 bustina vanillina o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 2 cucchiai di aroma di fiori d'arancio

Istruzioni

  • In una ciotola setacciate il lievito e la farina; formate un buco al centro e rompeteci le uova intere. Sbattete leggermente con una forchetta, poi unite lo zucchero a velo, il sale, la vanillina, il latte,il burro, il marsala e mescolate, fino ad ottenere un impasto denso.
  • Mettete a bagno l’uvetta per dieci minuti, scolatela, strizzatela e passatela nella farina.
  • Unite all'impasto l'uvetta, i canditi, i pinoli, semi di finocchio (se graditi) e 2 cucchiai di aroma di fiori d'arancio. Impastate finché l'impasto non risulterà compatto, anche se appiccicoso.
  • Formate una palla con l'aiuto di una spatola e spostatela su una teglia coperta di carta forno. Date il più possibile una forma tondeggiante.
  • Infornate il pandolce con un piccolo contenitore di acqua nel forno, forno statico a 180° per 50 minuti. Se la superficie scurisce in fretta, coprire con un foglio di stagnola. Sfornare e lasciare raffreddare prima di servirlo.
pandolce genovese basso
Pandolce genovese basso - ricetta

Articolo aggiornato il 23 dicembre 2020



6 thoughts on “Pandolce genovese basso”

Rispondi