Panzanella toscana

titolo

Estate, voglia di fresco, di cibi sani, semplici, senza faticare troppo.
Perché al minimo sforzo, al movimento in più, si inizia a sudare, la testa gira, la forza svanisce in una nuvoletta di vapore.
E in questi casi non si può che prendere spunto dai nostri nonni, dalla cucina della tradizione, da chi lavorava tutto il giorno nei campi e viveva dei prodotti della propria terra, che d’estate regalava frutta e verdura gustosa, succosa e ricca di vitamine grazie al sole, alla terra e all’acqua. Niente di più, niente di meno.
E bastava aggiungere un po’ di pane, un prodotto lavorato da mani esperte di fornai, tenuto da parte per ricette come queste, per rianimarlo e dargli nuova vita, nuovo sapore e consistenza.

Sto parlando della panzanella toscana, o pansanella, panmollo, panmolleun piatto povero, sicuramente antispreco e semplice, di stagione, a base di verdure estive e pane raffermo, che incontrando il sugo di pomodori, cipolle, olio, aceto, si inzuppa e crea un gusto e una consistenza incredibile.

Ho scoperto la ricetta originale grazie a Simone Rugiati che, nel suo programma Food Maniac, descrive questo piatto con tanto amore e passione, immerso nei ricordi della sua tradizione e del nonno che coglieva i pomodori nell’orto prima di darne nuova vita, a tavola.

Ovviamente per questa ricetta andrebbero utilizzati prodotti interamente toscani, ma io ho voluto personalizzarla con ingredienti che amo e che fanno parte della mia tradizione, dei miei ricordi ed emozioni.
Non avendo del pane raffermo, ho usato pane siciliano al sesamo, che fa parte dei miei ricordi in Sicilia.
I pomodori, il sedano e il basilico sono del mio orto, piantati e coltivati da mio nonno.
Le olive taggiasche, di una bontà infinita, le ho voluto aggiungere in ricordo della mia Liguria.

Il tutto a creare un piatto fresco, estivo, ma anche una tradizione e tanti ricordi. I miei ricordi.

Spero possiate apprezzare.

pane2 ingredienti

Panzanella toscana
INGREDIENTS
  • 6 fette di pane (preferibilmente raffermo)
  • Sedano
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 400 g pomodori datterino
  • Olive taggiasche
  • Basilico
  • Aceto
  • Olio extravergine
  • sale
  • pepe
INSTRUCTIONS
  1. Tagliate o spezzate grossolanamente il pane: se non avete degli avanzi di pane raffermo potete usare pane fresco, tagliarlo e farlo tostare.
  2. Una volta tostato, bagnatelo con olio e aceto e tenetelo da parte.
  3. Lavate e pelate il sedano e tagliatelo in modo sottile.
  4. Fate lo stesso con la cipolla, che potrete mettere in una ciotola con acqua e aceto per far scaricare un pochino di sapore. Io l’ho lasciata naturale.
  5. Tagliate i pomodori in quattro e unite tutti gli ingredienti in una ciotola , condite con olio aceto e sale e qualche foglia di basilico.
  6. Aggiungete le olive taggiasche e mescolate bene.
  7. Aggiungete il pane alle verdure e miscelate bene per far assorbire al pane i liquidi e renderlo inzuppato.
  8. Lasciate la panzanella in frigo per un’oretta e servitela fredda

panzanella1

panzanella2

panzanella3

Nata nel 1992 ad Alessandria, laureata nel 2016 in Comunicazione, studio Informazione ed Editoria a Genova. Scrivo di cucina e mi occupo di scrittura per il web, creazione di contenuti SEO friendly e fotografia di cibo e still life.
Articolo creato 244

8 commenti su “Panzanella toscana

  1. Che bei colori queste foto Francy! Adoro la panzanella, ma purtroppo da quando sono allergica ai pomodori me ne faccio una versione leggeremente diversa dall’originale, infatti ho sostituito i pomodorini con tanto melone a cubetti…non sarà la tradizione, ma indubbiamente è buona buona e mi rende felice mangiarla ^^
    Un abbraccio grande, buona giornata
    Chiara

    1. Sarà buonissima anche la tua con il melone!
      E anche se non è come la tradizionale, lo diventa nel momento in cui tu la insegni a qualcun altro, la tramandi, la rendi parte dei tuoi ricordi <3
      Un abbraccio e grazie di essere passata :*

  2. Francesca, sei geniale!!
    Con l’improvviso caldo di questa Primavera la tua preparazione sarà una dolce panacea, sarà la possibilità di assaggiare un po’ di freschezza tonificante per lottare questa improvvisa temperatura estiva.
    Infinite grazie per i tuoi suggerimenti!!

    1. Grazie Francesco, magari anche da noi facesse così caldo come dici tu!! Qui in Liguria ma anche in Piemonte è spesso grigio, piovoso e umido, poco caldo.. Una tristezza! Menomale che si può mettere un po’ di colore almeno a tavola!

Rispondi

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto