Crostata Pasqualina

Easter-EggsBuona Pasqua a tutti! Oggi non possiamo non pubblicare una ricetta (o forse anche di più, chissà) per questa giornata di festa.

Nella tradizione ligure, in questo giorno, viene preparata la classica torta pasqualina, una torta salata ripiena di spinaci o erbette, uova e ricotta, il tutto racchiuso in una sfoglia sottile che si scioglie in bocca.

Io, per rimanere nella tradizione ma con qualcosa di un po’ più innovativo, ho pensato di proporvi la crostata pasqualina.

Ingredienti:IMG_8393

  • 500g di spinaci o erbette
  • 1 confezione da 250g di ricotta
  • 2 uova
  • due rotoli di pasta sfoglia pronta
  • sale
  • pepe
  • burro
  • aglio
  • parmigiano
  • noce moscata
  • olio per spennellare

Fate lessare gli spinaci in poca acqua salata. Scolateli, facendo attenzione a togliere bene tutta l’acqua, poi fate appassire in padella con il burro e uno spicchio d’aglio.

IMG_8395
IMG_8398In una insalatiera amalgamate bene la ricotta con due uova, il parmigiano grattugiato (a piacere), sale e e pepe e una grattata di noce moscata.

Quando gli spinaci sono ben appassiti, toglieteli dal fuoco e fate raffreddare il tutto.

Frullatelo per renderlo una cremina che aggiungerete poi alla ricotta lavorata.

In uno stampo da torte, adagiate la pasta sfoglia, ricoprite con il ripieno di ricotta e spinaci, preparato precedentemente.

Ripiegate i bordini di modo da creare la crosticina intorno.

Ora, con l’altra pasta sfoglia, create delle striscioline con la rotella per fare i bordi ondulati.

IMG_8404 Tagliateli ancora in base all’ampiezza della vostra torta, così da creare la griglia per decorare la vostra crostata.

Spennellate la crostata con l’olio d’oliva.

Infornate in forno preriscaldato: 180° per 30-40 minuti. Controllate la doratura.IMG_8436IMG_8452

Nata nel 1992 ad Alessandria, laureata nel 2016 in Comunicazione, studio Informazione ed Editoria a Genova. Scrivo di cucina e mi occupo di scrittura per il web, creazione di contenuti SEO friendly e fotografia di cibo e still life.



7 thoughts on “Crostata Pasqualina”

Rispondi