Gnocchi di patate

In questi giorni, a casa, si è respirata aria di tradizione. Mia madre ha finalmente deciso di tramandarmi la ricetta degli Gnocchi di patate, la cui preparazione mi ha sempre colpito fin da quando ero piccola piccola e vedevo sulla tavola di legno questa distesa infinita di gnocchi e farina, dall’aspetto invitante e dal profumo sublime.

Ingredienti (per 4 persone):

  • 1 kg di patate
  • 300g farina 0
  • 1 tuorlo d’uovo
  • sale

Lavate le patate e, senza sbucciarle, mettetele in una pentola con dell’acqua salata e lasciatele bollire per circa 40-45 minuti.

Ancora calde, sbucciatele aiutandovi con un coltello e, ahimè, con le mani (bruciandovi più e più volte :D). Schiacciatele e mettetele su un piano di lavoro ben infarinato.

A questo punto aggiungete man mano la farina e un pizzico di sale, e iniziate ad impastare.

IMG_4967

Per ultimo mettete il tuorlo d’uovo.

Continuate ad impastare fino a ottenere un impasto compatto e morbido.

Dividete l’impasto in tanti filoni e iniziate a tagliare i vostri gnocchi nella forma che più preferite.

IMG_4973Io amo quelli molto piccoli, mentre la tradizione casalinga delle mie nonne prevede che gli gnocchi siano abbastanza grandi, e andranno poi modellati con le classiche “rigature” fatte con l’aiuto di una forchetta.

Vi lascio come esempio una foto degli gnocchi che ho preparato io, e quelli classici di famiglia. 🙂

IMG_49771235159_689114684451929_1187010813_n

Ora potrete far cuocere gli gnocchi, scolarli e saltarli in padella con il sugo che preferite. Io ho pensato di usare un sugo di ragù con carne trita, salsiccia e passata di pomodoro. Vi assicuro che il tutto, accompagnato da una spolverata di parmigiano reggiano, merita davvero!

Questo è il risultato finale!
IMG_4986

Il gusto degli gnocchi è davvero quello, inimitabile, di quelli che mi ha sempre fatto la nonna Carla quando andavo a pranzo a casa sua.. non ci sono parole per descriverlo, so solo dirvi che è un successo per me riuscire in quello che cucino e imparo col tempo.

Evviva gli gnocchi, fatti e mangiati in qualsiasi giorno della settimana, anche il giovedì! 😀

Nata nel 1992 ad Alessandria, laureata nel 2016 in Comunicazione, studio Informazione ed Editoria a Genova. Scrivo di cucina e mi occupo di scrittura per il web, creazione di contenuti SEO friendly e fotografia di cibo e still life.



8 thoughts on “Gnocchi di patate”

    • Si, avendo vissuto intorno a persone amanti della cucina, o entravo anch’io a far parte della cerchia, o rifiutavo completamente!

      Mi è andata bene 😉

      Grazie per il commento, è sempre un piacere!!

  • ciao
    hai proprio ragione… chi mai ha detto che si mangiano solo di giovedì??? a casa mia mia mamma li faceva sempre appena il contadino ci consegnava le patate novelle per tutta la stagione fredda e per noi era una festa perché la cucina si animava già dal primo mattino con il ragù per poi divertirci ad impastare… viva gli gnocchi!!!!

    • Anche a casa mia, in questo periodo abbiamo fatto scorta delle patate per l’inverno (abitando in campagna si hanno ancora queste tradizioni,per fortuna!!) e le prime sono servite per questa ricetta!

  • Ciao! Anche io ho i miei ricordi legati agli gnocchi e mi complimento con te per portare avanti le tradizioni di famiglia.
    Premesso che a casa mia si fanno quelli rigati con la forchetta, l’impasto rimane lo stesso.
    Avevo circa 7/8 anni e alla domenica si andava a pranzo dalla Nonna Maria e una domenica lei e mia mamma, prepararono gli gnocchi.
    Io come sempre chiesi un pezzo dell’impasto per giocare e sulla spianatoia non c’era spazio sufficiente per me e decisi così di farmelo……………spingendo indietro tutti gli gnocchi fatti che si appiccicarono uno con l’altro.
    Vi lascio immaginare le conseguenze.
    La mia povera nonnina che mi urlava con tutto il suo amore: ” BRITA BAGASA!!!”

  • Guarda caso io li ho fatti proprio oggi che è giovedì, ma di solito si fanno la domenica. Io li faccio di farina. Sono più leggeri rispetto a quelli di patate.

Rispondi